0 0 0
0
0 0 0 0 0 0
0


Mall International (in English)
0
0 > Sito di Fabrizio Bottini > Antologia
0
Ci sono testi che hanno successo e diffusione, ma poi vengono dimenticati. Altri che non suscitano particolare interesse al momento della pubblicazione, ma a ben vedere e col senno di poi anticipano certi temi, spesso con sorprendente chiarezza. Questa "raccolta differenziata" vuole riproporne alcuni, soprattutto nel campo della città e del territorio.


Olmsted, Frederick Law; Vaux, Calvert (31.12.2007)
Ampi estratti della relazione dei due autori del piano per il Central Park, vincitore del premio di 2.000 dollari bandito dalla città. The New York Times, 1 maggio 1858
0


(08.03.2008)
In una breve antologia storica, tre articoli dal New York Times (1870-1882) raccontano l’origine, costruzione e inizi del primo “sobborgo giardino” a fregiarsi ufficialmente di questo nome: trent’anni prima di Letchworth
0


Beruto, Cesare (16.03.2006)
La relazione tecnica ad uno dei primi e più importanti piani regolatori dell'Italia post unitaria, per la sua grande città industriale in piena crescita
0


Kropotkin, Petr Aleeksevic (05.05.2007)
Un'organizzazione possibile egualitaria del territorio, dal notissimo Campi, fabbriche, officine, nell'epoca in cui "la tendenza delle fabbriche a migrare verso i villaggi ha trovato espressione nella Città Giardino"
0


(07.01.2008)
Breve resoconto sul terremoto-incendio di San Francisco, e il tentativo di speculazione razzista (poi fallito) per una città di soli cinesi distinta dal capoluogo della Baia. La cronaca in diretta, da The New York Times, 21 aprile 1906
0


(23.12.2011)
Uno dei primi quartieri giardino moderni americani sul modello europeo, spiegato al grande pubblico dalla Russel Sage Foundation e dagli architetti progettisti. The New York Times, 4 dicembre 1910. Con una breve nota critico-storica
0


Moody, Walter D. (13.09.2010)
Alcuni estratti dal "Wacker's Manual" che accompagnava il Piano di Chicago 1909 di Daniel Burnham, per formare le giovani generazioni all'urbanistica, all'impegno civico, alla responsabilità individuale nella costruzione della città per tutti
0


Burnham, Daniel H. (21.03.2012)
All'atto fondativo dell'urbanistica moderna a Londra, la Town Planning Conference del R.I.B.A., uno straordinario affresco della cultura delle città fra i due secoli, e delle prospettive future, da parte di un protagonista di primissimo piano
0


Buffoli, Luigi (16.11.2011)
Una lucidissima, e per molti versi sorprendente vista l'epoca, analisi del rapporto fra sviluppo urbano, dimensione del quartiere, abitazione e spazio pubblico come diritti sociali, da un esponente del mondo della cooperazione
0


Drummond, William Eugene (06.02.2012)
Quasi contemporaneo agli studi di Raymond Unwin per i raggruppamenti dei sobborghi giardino, un interessante progetto presentato a un concorso per l’attuazione del Piano di Chicago di Daniel Burnham affronta il tema spaziale del quartiere coordinato
0


Dickerman, George Sherwood (18.02.2008)
Un allarme moralistico, di segno opposto ma analogo a quello che nel periodo tra le due guerre emergerà con l’ascesa del suburbio. The Atlantic Monthly, settembre 1913
0


Olmsted, Frederick Law Jr. (03.01.2012)
Da un autore di assoluto prestigio, professionista di seconda generazione e studioso innovatore in un ambito ancora pionieristico, una serie di lungimiranti riflessioni sul futuro della città e dell’urbanistica, costruite attorno alla natura umana e delle istituzioni
0


Perry, Clarence Arthur (01.02.2012)
Alcune delle riflessioni base sulle funzioni urbane dei complessi scolastici, che dieci anni più tardi troveranno forma compiuta nella teoria della Unità di Vicinato, a strutturare una componente essenziale della città novecentesca in ogni parte del mondo, con postilla
0


Nolen, John (02.07.2006)
Estratti dal classico City Planning: la cultura della progettazione suburbana e della città giardino europea, prima dell'automobile (f.b.)
0


(21.02.2009)
Alla fine della prima guerra mondiale, inizia ad emergere il ruolo non solo alimentare e di integrazione delle piccole attività di coltura, ma anche quello sociale e di tempo libero. Una breve riflessione daThe Times di Londra, 25 agosto 1919
0


Hughes, William R. (19.06.2012)
Una forma di integrazione urbano-rurale nel quadro dello sviluppo nazionale elaborata a cavallo fra le due guerre mondiali conferma sia il percorso evolutivo dalle città giardino alle New Town, sia la forza e l’articolazione di certa ideologia antiurbana su entrambe le sponde dell’Atlantico, in salsa totalitaria o democratica, cambia poco. E il chilometro zero esiste da sempre
0


Feld, Rose C. (21.11.2008)
Presentazione, commenti ed estratti dal Piano Regionale nella prima metodologicamente rivoluzionaria proposta della Russel Sage Foundation. Un documento di valore storico e non solo da The New York Times, 21 maggio 1922
0


Giovannoni, Gustavo (16.05.2006)
Il famoso "decalogo dell'urbanista" che formalizza il sistema gerarchico poi schema per i concorsi di piano, introdotto più tardi nella legge generale. L'Ingegnere, gennaio 1928 (f.b.)
0


Penati, Cesare (14.01.2006)
Un testo attualissimo di pianificazione metropolitana nel segno delle città satellite e dei sobborghi giardino, proposto dal presidente della Società Milanino, opuscoio Tipografia Antonio Cordani S. A., Milano [1932] (f.b.)
0


Civico, Vincenzo (10.01.2009)
L’auspicio di uno dei massimi esponenti dell’epoca pionieristica dell’INU verso un organico inserimento della professione urbanistica nella struttura sociale. Notare la distinzione fra interesse pubblico e privato. L’Ingegnere, dicembre 1933
0

  | < 1 >  | 2  | 3  | 4  Successiva >>




0

Il sito di Edoardo Salzano
0
Bottini, Fabrizio
( 08.10.2013 09:04 )
Per motivi tecnici mi sono provvisoriamente trasferito sul sito Millennio Urbano che (tra l'altro) contribuisco a rilanciare dopo un periodo di transizione -->
Bottini, Fabrizio
( 08.09.2013 10:07 )
Da un paio di secoli l'umanità cerca di misurarsi in con la gigantesca ameba metropolitana scatenata dai cicli di industrializzazione: urbanisti, sociologi, scrittori, ora un regista. Ma la cultura italiana mica ci arriva
-->
Barzi, Michela
( 26.08.2013 09:34 )
Le diffidenze leghiste per le diversità si manifestano naturalmente con maggiore evidenza là dove il partito governa e imperversa. Ma si tratta di una cultura pervasiva, per nulla limitata a quei territori e probabilmente neppure limitata a quell'area politica, pronta a ripresentarsi in diversi contesti -->
( 22.08.2013 19:29 )
Gli spazi simbolo del ceto medio e dei suoi consumi opulenti, diventano sacche di disagio, come dimostra il compendio di ricerche della Brookings Institution sintetizzate in un volume. Il problema è di superare la logica di questo tipo di espansione urbana, e tornare a un modello integrato di città. Dalla rivista universitaria Knowledge Wharton, agosto 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 20.08.2013 18:49 )
La globalizzazione significa soprattutto (che piaccia o meno) essere ineluttabilmente inseriti in un flusso di decisioni interrelate: la tutela delle coste nella nostra bagnarola mediterranea, per esempio -->
Eisenberg, Richard
( 10.08.2013 10:28 )
Recensionee intervista su uno dei tanti libri americani dedicati a una questione che dovrebbe però interessare molto di più anche il resto del mondo: l'immaginario collettivo sull'abitare e i suoi risvolti sociali e ovviamente ambientali. Di fatto ci sono intere generazioni cresciute nel mito antiurbano, che deve essere in qualche modo superato, insieme al tipo di consumi che si porta dietro. Forbes, 9 agosto 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 21.07.2013 09:45 )
C'è sempre qualcosa di affascinante, e al tempo stesso inquietante, nel modo in cui ci adattiamo, o proviamo a adattarci, ai mutamenti ambientali del mondo che ci circonda. Specie quando si tratta di trasformazioni consapevolmente indotte da altri, per motivi affatto umanitari -->
Bottini, Fabrizio
( 16.07.2013 08:35 )
Oltre a dire qualcosa di sinistra, come auspicano e chiedono in tanti da troppo tempo, c'è anche un'altra possibilità: quella di fare concretamente, qualcosa di sinistra, ovvero mettere in pratica e verificare gli alti principi. C'è qualche vago segnale in questo senso, basta guardarlo -->
Bottini, Fabrizio
( 11.07.2013 08:13 )
Che fare quando le migliori (e celebrate) idee si dimostrano carenti? Negare l'evidenza, oppure provare a rifletterci sopra davvero, cercando di capire se e dove esiste qualcosa di sbagliato nel modello, o nella nostra interpretazione? -->
Hetherington, Peter
( 03.07.2013 13:12 )
Un urbanista americano, curiosamente noto soprattutto per essere stato preso a pugni da una contestatrice durante un'assemblea pubblica, ha anche parecchio altro da dire sulla professione, e il ruolo nella città e la società. The Guardian, 2 luglio 2013 (f.b.) -->
Bottini, Fabrizio
( 29.06.2013 10:53 )
C'è qualcosa che non torna nell'entusiasmo da un lato per tutte le possibili tecnologie smaterializzanti dell'universo, dall'altro nel permanere di una cultura degli spazi a dir poco novecentesca, industriale, segregata. Quanto c'è di malafede, e quanto di ignoranza? -->
Bottini, Fabrizio
( 28.04.2013 09:12 )
Il successo dei progetti di trasformazione urbana, come suggerisce il buon senso, dipende dal loro essere urbani, inseriti in un contesto ampio con cui entrano in sinergia. Ma il peggior cieco è chi non vuol vedere ciò che gli sta attorno -->
Walker, Alissa
( 02.04.2013 19:44 )
Vivere e camminare a Los Angeles, senza un'automobile, è compatibile con un'esistenza umana. Figuriamoci qui da noi. Los Angeles Magazine, 29 marzo 2013 -->
Vitullo-Martin, Julia
( 30.03.2013 19:30 )
I problemi insediativi, ambientali, socioeconomici, di qualità della vita, e infine politici, posti dal nuovo ruolo del cibo nella metropoli del terzo millennio. Non è il caso, come intuito in fondo dall'Expo milanese, di porre al centro la questione? Spotlight on the Region, marzo 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 30.03.2013 08:50 )
È passato più di un secolo da quando i futuristi volevano spazzar via tutta l'anticaglia che faceva da zavorra al progresso umano, e nel frattempo si è capito che non tutto è anticaglia e non tutto è zavorra. Però adesso un po' si esagera, in tutto il mondo, con le ideologie antimoderniste su misura -->

Chi fa Eddyburg | Copyright e responsabilità | Sostenere Eddyburg | Chi sostiene Eddyburg