0 0 0
0
0 0 0 0 0 0
0


Mall International (in English)
0
0 > Sito di Fabrizio Bottini > Città > Spazi del consumo
0
Le attività commerciali, di servizio, per il tempo libero, occupano e definiscono spazi sempre più vasti e connotati in modo originale. Parti di città e soprattutto di territorio suburbano si organizzano attorno alle varie funzioni di consumo, articolate e specializzate, che diventano i nuovi fulcri dell'immaginario e della vita sociale. Questa cartella di MALL vuole proporre un punto di vista aperto sui loro problemi e potenzialità, proseguendo il percorso iniziato su Eddyburg nella sezione Territorio del Commercio


Bottini, Fabrizio (28.12.2009)
In urbanistica, come insegnava Jane Jacobs, è sempre ottima cosa studiare attentamente progetti e intenzioni, ma poi farsi un’idea definitiva guardando ai risultati concreti di quelle pur lodevoli intenzioni ..
0


Balestreri, Giuliano (22.12.2009)
Il quotidiano della Confindustria ovviamente ci dà dentro, con l’indispensabilità dei Superluoghi all’italiana, fatti di deroghe e leggi speciali. Il Sole 24 Ore, 22 dicembre 2009 con doverosa postilla
0


Bossi Fedrigotti, Isabella (20.12.2009)
Nonostante il garbo estremo della signora, desolante panorama di una delle tante piazze finte del terzo millennio. Ecco a voi lo Shopping Center Porte Franche da Il Corriere della Sera, 20 dicembre 2009
0


Molino, Walter (20.12.2009)
Il lato oscuro dello shopping, si potrebbe anche intitolare la ricostruzione de Il Fatto Quotidiano, 19 dic. 2009, dei meccanismi “tecnico-amministrativi” di insediamento commerciale in certi contesti
0


Agus, Gianni (14.12.2009)
I cosiddetti superluoghi si scontrano coi luoghi veri, con il contesto amministrativo e dell’impresa italiana, che notoriamente sono tutt'altro che super, anzi. EPolis Palermo, 14 dicembre 2009
0


Kendall, Ben (11.12.2009)
Per la tranquillità dei consumi, pare si stia davvero andando troppo, ma troppo oltre, nella delega di poteri pubblici a ronde private incontrollabili dal cittadino. Evening News 24, 10 dicembre 2009
0


Walker, Andrea K. (09.12.2009)
Se c’era bisogno di una dimostrazione concreta eccola: i villaggi della moda accorpati anche formalmente e finanziariamente al business nazionalpopolare dei centri commerciali. Baltimore Sun, 9 dicembre 2009
0


Franceschini, Enrico (08.12.2009)
Le reazioni al modello “clone town” si moltiplicano, ma resta aperto il problema: può funzionare davvero una distribuzione locale fatta solo da operatori locali? La Repubblica, 8 dicembre 2009
0


Coté, John (08.12.2009)
Gira che ti rigira, dopo mezzo secolo siamo ancora lì: il modello del centro commerciale per quanto urbano gira implacabilmente attorno all’automobile.San Francisco Chronicle, 7 dicembre 2009
0


Atchison, Chris (01.12.2009)
I centri commerciali tradizionali cercano un ruolo urbano più integrato, perché essere solo alternativi alla città non paga più. The Globe and Mail, 1 dicembre 2009
0


Bonazzoli, Francesca (29.11.2009)
In un libro la storia della Galleria di Milano e di tutti i “passages” antenati del centro commerciale. Sempre che non sia una scusa per “ripensarla” in questo modo … Il Corriere della Sera, 29 novembre 2009
0


(25.11.2009)
Qualcuno in Tahilandia si lamenta perché lo sviluppo urbano moderno toglie spazi alla vita collettiva? Niente paura: arriva il vecchio shopping mall con un nuovo nome!The Bangkok Post, 25 novembre 2009
0


Mazzeo, Antonio (24.11.2009)
Le miserie di una “concorrenza commerciale sul territorio” che oltre a danneggiarlo, il territorio, avviene anche nella più spudorata illegalità. Contributo del 24 novembre 2009
0


(22.11.2009)
L’amministrazione australiana e un dilemma ormai classico: favorire la libera concorrenza o pensare al consumo di territorio e alla tutela delle reti sociali? Pare abbiano già scelto la prima. The Sydney Morning Herald, 22 novembre 2009
0


Mazzeo, Antonio (19.11.2009)
Triste constatarlo, ma la grande distribuzione da sola a quanto pare non riesce neppure ad essere davvero innovativa sul versante sociale e della legalità. Intervento del 18 novembre 2009
0


Paris, Mario (18.11.2009)
In un nuovo estratto da Urbanistica dei Superluoghi (Maggioli 2009) alcune riflessioni sulla possiblità - o meno - di addomesticare questi grandi nodi dell'investimento metropolitano
0


(12.11.2009)
Ancora "il più grande di questo tipo ..." e via dicendo, per l'ennesimo villaggio della moda, stavolta a Enna, dove ce n'era tanto bisogno, evidentemente
0


Cavallieri, Marina (11.11.2009)
Come volevasi dimostrare, il modello del nodo spaziale attrezzato per consumi e servizi attira investimenti e aspettative. Cimentarsi con la tendenza, o sdegnatamente sparire nel ridicolo. La Repubblica, 11 novembre 2009
0


Paris, Mario; Morandi, Corinna (06.11.2009)
La presentazione e l’introduzione a un nuovissimo lavoro (Maggioli 2009) critico sugli spazi del consumo e dell’intrattenimento nell’organizzazione del territorio
0


Visetti, Giampaolo (05.11.2009)
Il gigantesco mercato del divertimento a gettone coi parchi tematici, dopo l’esordio di Hong Kong arriva nel cuore geografico e socioeconomico del paese.La Repubblica, 5 novembre 2009
0

<< Precedente  | 1  | 2  | 3  | 4  | 5  | 6  | 7  | 8  | < 9 >  | 10  | 11-20  | 21-30  | 31-34  Successiva >>




0

Il sito di Edoardo Salzano
0
Bottini, Fabrizio
( 08.10.2013 09:04 )
Per motivi tecnici mi sono provvisoriamente trasferito sul sito Millennio Urbano che (tra l'altro) contribuisco a rilanciare dopo un periodo di transizione -->
Bottini, Fabrizio
( 08.09.2013 10:07 )
Da un paio di secoli l'umanità cerca di misurarsi in con la gigantesca ameba metropolitana scatenata dai cicli di industrializzazione: urbanisti, sociologi, scrittori, ora un regista. Ma la cultura italiana mica ci arriva
-->
Barzi, Michela
( 26.08.2013 09:34 )
Le diffidenze leghiste per le diversità si manifestano naturalmente con maggiore evidenza là dove il partito governa e imperversa. Ma si tratta di una cultura pervasiva, per nulla limitata a quei territori e probabilmente neppure limitata a quell'area politica, pronta a ripresentarsi in diversi contesti -->
( 22.08.2013 19:29 )
Gli spazi simbolo del ceto medio e dei suoi consumi opulenti, diventano sacche di disagio, come dimostra il compendio di ricerche della Brookings Institution sintetizzate in un volume. Il problema è di superare la logica di questo tipo di espansione urbana, e tornare a un modello integrato di città. Dalla rivista universitaria Knowledge Wharton, agosto 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 20.08.2013 18:49 )
La globalizzazione significa soprattutto (che piaccia o meno) essere ineluttabilmente inseriti in un flusso di decisioni interrelate: la tutela delle coste nella nostra bagnarola mediterranea, per esempio -->
Eisenberg, Richard
( 10.08.2013 10:28 )
Recensionee intervista su uno dei tanti libri americani dedicati a una questione che dovrebbe però interessare molto di più anche il resto del mondo: l'immaginario collettivo sull'abitare e i suoi risvolti sociali e ovviamente ambientali. Di fatto ci sono intere generazioni cresciute nel mito antiurbano, che deve essere in qualche modo superato, insieme al tipo di consumi che si porta dietro. Forbes, 9 agosto 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 21.07.2013 09:45 )
C'è sempre qualcosa di affascinante, e al tempo stesso inquietante, nel modo in cui ci adattiamo, o proviamo a adattarci, ai mutamenti ambientali del mondo che ci circonda. Specie quando si tratta di trasformazioni consapevolmente indotte da altri, per motivi affatto umanitari -->
Bottini, Fabrizio
( 16.07.2013 08:35 )
Oltre a dire qualcosa di sinistra, come auspicano e chiedono in tanti da troppo tempo, c'è anche un'altra possibilità: quella di fare concretamente, qualcosa di sinistra, ovvero mettere in pratica e verificare gli alti principi. C'è qualche vago segnale in questo senso, basta guardarlo -->
Bottini, Fabrizio
( 11.07.2013 08:13 )
Che fare quando le migliori (e celebrate) idee si dimostrano carenti? Negare l'evidenza, oppure provare a rifletterci sopra davvero, cercando di capire se e dove esiste qualcosa di sbagliato nel modello, o nella nostra interpretazione? -->
Hetherington, Peter
( 03.07.2013 13:12 )
Un urbanista americano, curiosamente noto soprattutto per essere stato preso a pugni da una contestatrice durante un'assemblea pubblica, ha anche parecchio altro da dire sulla professione, e il ruolo nella città e la società. The Guardian, 2 luglio 2013 (f.b.) -->
Bottini, Fabrizio
( 29.06.2013 10:53 )
C'è qualcosa che non torna nell'entusiasmo da un lato per tutte le possibili tecnologie smaterializzanti dell'universo, dall'altro nel permanere di una cultura degli spazi a dir poco novecentesca, industriale, segregata. Quanto c'è di malafede, e quanto di ignoranza? -->
Bottini, Fabrizio
( 28.04.2013 09:12 )
Il successo dei progetti di trasformazione urbana, come suggerisce il buon senso, dipende dal loro essere urbani, inseriti in un contesto ampio con cui entrano in sinergia. Ma il peggior cieco è chi non vuol vedere ciò che gli sta attorno -->
Walker, Alissa
( 02.04.2013 19:44 )
Vivere e camminare a Los Angeles, senza un'automobile, è compatibile con un'esistenza umana. Figuriamoci qui da noi. Los Angeles Magazine, 29 marzo 2013 -->
Vitullo-Martin, Julia
( 30.03.2013 19:30 )
I problemi insediativi, ambientali, socioeconomici, di qualità della vita, e infine politici, posti dal nuovo ruolo del cibo nella metropoli del terzo millennio. Non è il caso, come intuito in fondo dall'Expo milanese, di porre al centro la questione? Spotlight on the Region, marzo 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 30.03.2013 08:50 )
È passato più di un secolo da quando i futuristi volevano spazzar via tutta l'anticaglia che faceva da zavorra al progresso umano, e nel frattempo si è capito che non tutto è anticaglia e non tutto è zavorra. Però adesso un po' si esagera, in tutto il mondo, con le ideologie antimoderniste su misura -->

Chi fa Eddyburg | Copyright e responsabilità | Sostenere Eddyburg | Chi sostiene Eddyburg