> Sito di Fabrizio Bottini > Segnali
0


(13.03.2006)
0


Marin, Alessandra (13.07.2012)
Una gentile recensione al mio ultimo libro sull'evoluzione dell'idea di città e di urbanista dal XIX secolo all'altro ieri, ne coglie alcuni aspetti significativi legati alla contemporaneità. Da Il Giornale dell'Architettura, luglio 2012
0


Hughes, William R. (19.06.2012)
Una forma di integrazione urbano-rurale nel quadro dello sviluppo nazionale elaborata a cavallo fra le due guerre mondiali conferma sia il percorso evolutivo dalle città giardino alle New Town, sia la forza e l’articolazione di certa ideologia antiurbana su entrambe le sponde dell’Atlantico, in salsa totalitaria o democratica, cambia poco. E il chilometro zero esiste da sempre
0


DeBoer, Saco Rienk (14.05.2012)
Da un lavoro di stampo manualistico scritto in epoca New Deal, alcune interessanti considerazioni (e col senno di poi pie illusioni) su un possibile nuovo equilibrio fra distribuzione commerciale, città e territorio, prima dell’esplosione suburbana del dopoguerra
0


Burnham, Daniel H. (21.03.2012)
All'atto fondativo dell'urbanistica moderna a Londra, la Town Planning Conference del R.I.B.A., uno straordinario affresco della cultura delle città fra i due secoli, e delle prospettive future, da parte di un protagonista di primissimo piano
0


Drummond, William Eugene (06.02.2012)
Quasi contemporaneo agli studi di Raymond Unwin per i raggruppamenti dei sobborghi giardino, un interessante progetto presentato a un concorso per l’attuazione del Piano di Chicago di Daniel Burnham affronta il tema spaziale del quartiere coordinato
0


Olmsted, Frederick Law Jr. (03.01.2012)
Da un autore di assoluto prestigio, professionista di seconda generazione e studioso innovatore in un ambito ancora pionieristico, una serie di lungimiranti riflessioni sul futuro della città e dell’urbanistica, costruite attorno alla natura umana e delle istituzioni
0


(23.12.2011)
Uno dei primi quartieri giardino moderni americani sul modello europeo, spiegato al grande pubblico dalla Russel Sage Foundation e dagli architetti progettisti. The New York Times, 4 dicembre 1910. Con una breve nota critico-storica
0


Draper, Earle Sumner (12.11.2011)
Dal direttore per la pianificazione territoriale della Tennessee Valley Authority, ben prima dell'esplosione suburbana del dopoguerra, una lucidissima analisi dei meccanismi della dispersione, e addirittura l'uso della parola "sprawl" in senso contemporaneo
0


Messina, Marcella (04.02.2011)
Una bella riflessione di una ex amica sulla raccolta Spazio Pubblico: declino, difesa, riconquista (Ediesse 2010). Scritta per il sito Sociologia del Territorio, febbraio 2011, tocca i temi generali del volume e alcuni spunti degli Autori
0


Seeger, Pete (01.02.2010)
Nel linguaggio immediato della canzone popolare, tutta la pretenziosa tristezza del suburbio diffuso. Qualche nota, testo originale e tradotto, file audio scaricabile
0


Mitchell, Joni (08.03.2007)
Uno dei testi più famosi della cantautrice canadese, ampiamente usato dai movimenti anti-sprawl. Traduzione (mia) a fronte, e mp3 scaricabile. Dall'album "Ladies of the Canyon", 1970
0


(12.03.2006)
l software per
la gestione dei contenuti
e l'ospitalità sono offerti da
0