0 0 0
0
0 0 0 0 0 0
0


Mall International (in English)
0
0 > Sito di Fabrizio Bottini > Società
0
Lo spazio ovviamente non è vuoto, e altrettanto ovviamente ha poco senso (almeno per noi) quando non è osservato mettendo in primo piano la società che lo occupa, o che lo guarda


Bottini, Fabrizio (06.09.2012)
Per prosperare, svolgere in modo pieno e maturo il suo ruolo, la città contemporanea deve essere ricca di cose che non hanno nulla a che vedere con quello squallore contabile dei ratings su chi ha i conti bancari più lunghi o gli alberghi con più stelline. Il criterio proposto al World Urban Forum
0


Thompson, Derek; Weissmann, Jordan (31.08.2012)
Serpeggia il panico fra i sostenitori americani di uno sviluppo business as usual, ovvero automobili e case in proprietà. Stavolta a dirlo non sono i nuovi urbanisti, ma i fatti: agli adulti del futuro di possedere auto e case non frega proprio nulla. Che sia questa la vera decrescita? The Atlantic, settembre 2012
0


Bottini, Fabrizio (22.08.2012)
Anche i ricchi piangono, per forza. Ma ci sono vari modi per essere ricco, e il peggiore possibile è quello di recitare consapevolmente la parte del pesce in barile, ovvero circondarsi solo di propri simili, e magari di una solida muraglia contro i poveracci. Lo spiega una ricerca
0


Daveri, Francesco (14.08.2012)
Qualche frase di buon senso, piuttosto generico ma del tutto condivisibile, sul cosiddetto modello di sviluppo del paese, che nessuna parte politica a quanto pare oggi ritiene praticabile, chissà perché. Corriere della Sera, 14 agosto 2012
0


Bottini, Fabrizio (07.08.2012)
I cosiddetti giovani mammoni che se ne stanno in cameretta nella casa dei genitori per pura pigrizia sono come noto una leggenda metropolitana inventata da qualcuno, vuoi in malafede, vuoi crassamente ignorante. Fuori dai fumi ideologici italiani, uno studio lo conferma: problema economico!
0


Kotlowitz, Alex (04.08.2012)
Sul ruolo sociale essenziale che possono svolgere gli orti di quartiere nelle situazioni anche più estreme di emarginazione e segregazione, naturalmente se non ostacolati da norme stupide e politiche burocratiche. Mother Jones, luglio-agosto 2012
0


Kershner, Isabel (30.07.2012)
Le incredibili difficoltà di un settore avanzato di produzione e servizi, in una situazione troglodita dal punto di vista politico come il conflitto tra Israele e il resto del Medio Oriente. The New York Times, 30 luglio 2012
0


Bottini, Fabrizio (29.07.2012)
Secondo l’ultimo rapporto dell’Economist sulla crescita delle gigantesche megalopoli cinesi, da un certo punto di vista il baricentro del mondo si starebbe spostando decisamente da quella parte. Da un certo punto di vista, appunto: a noi resta decidere come collocarci in questo scenario
0


Sherwood, Harriet (24.07.2012)
Qualche ritorno della centralità dei beni comuni e della terra, corretto dal mercato, in un ambiente singolare e protetto come lo stato fortezza di Israele e il contesto fondativo partecipato delle coltivazioni nei terreni palestinesi. The Guardian, 24 luglio 2012
0


Gussoni, Emanuela (15.07.2012)
In un breve racconto su una solitudine particolare, anche tante altre solitudini possibili, immaginabili, a volte impercettibili, a volte banali e quotidiane
0


Bottini, Fabrizio (14.07.2012)
Adesso c’è anche la scoperta canadese del secolo: i frutti Ogm che udite udite non si ossidano se morsicati e lasciati lì per una ventina di minuti! Il che fa sorgere spontanea la domanda: era proprio la necessità principale del mercato? Come le labbra a canotto e le tette inopinatamente extralarge?
0


Solnit, Rebecca (10.07.2012)
La cura degli spazi aperti della metropoli ha un'alta funzione politica, oltre che ambientale ed economica: da una firma di prestigio alcune riflessioni sull’agricoltura urbana contemporanea, la pace, il progresso e il futuro dell’umanità. Orion, luglio/agosto 2012
0


Bottini, Fabrizio (04.07.2012)
Se da un lato è vero che l’enfasi attuale sui centri urbani più o meno “smart” pare proprio solo l’ultima moda, l’innovazione tecnologica gioca un ruolo essenziale nella qualità degli spazi. Alcune considerazioni a partire da certi ultimi sviluppi
0


Clos, Joan; Harsch, Ernest (24.06.2012)
Il direttore esecutivo del programma ONU Habitat, intervistato da un giornalista specializzato nello sviluppo locale: un punto di vista se non altro autorevole sul tema dell’urbanizzazione galoppante del continente, e sulle possibili risposte per evitare il peggio. Business Report, 24 giugno 2012
0


Bottini, Fabrizio (09.10.2011)
Mezz’ora ti cambia la vita, se per esempio provi a passarla sott’acqua senza respiratore. Qualche breve considerazione civile su cittadino e potere, molto terra terra, il giorno del Censimento 2011 "comodamente compilabile online dalle nove de mattino"
0


Bottini, Fabrizio (01.09.2011)
Sul tetto della simbolica Borsa di Londra sbarcano le arnie della nuova produzione urbana di miele. Domanda lecita: significa nuovo senso all’agricoltura urbana o serve ad addolcire l’amara pillola della speculazione e della devastazione ambientale?
0


Bottini, Fabrizio (24.08.2011)
Anche quando si pone l’accento sul libero mercato, sulla responsabilità degli individui, su forme di governo il più possibile leggere, si fanno scelte consapevoli e a loro modo strategiche di politica urbana. Ma non sono solo gli impiastri in malafede a sostenere cose diverse e contraddittorie
0


Bottini, Fabrizio (21.07.2011)
Chi propone continuamente di abbandonare l’auto e usare i mezzi pubblici, è sicuramente animato dalle migliori intenzioni, ma (fortunatamente per la causa che sostiene) di solito non si rende affatto conto dell’enormità delle trasformazioni necessarie
0


Bottini, Fabrizio (16.07.2011)
Anche i più stupidi luoghi comuni in fondo nascondono qualche verità: ad esempio che la metropoli è opprimente e per sua natura invivibile, o che la casa è il castello della famiglia … Fino ad un certo punto, però
0


Bottini, Fabrizio (01.05.2011)
Non solo l’aria della città rende liberi, come si sa ormai da secoli: la scienza scopre adesso che senza alcun dubbio vivendo così diventiamo più intelligenti. E allora cerchiamo di usarla, tutta questa intelligenza, no?
0

<< Precedente  | 1  | < 2 >  | 3  | 4  | 5  | 6  | 7  | 8  | 9  | 10  | 11-17  Successiva >>




0

Il sito di Edoardo Salzano
0
Bottini, Fabrizio
( 08.10.2013 09:04 )
Per motivi tecnici mi sono provvisoriamente trasferito sul sito Millennio Urbano che (tra l'altro) contribuisco a rilanciare dopo un periodo di transizione -->
Bottini, Fabrizio
( 08.09.2013 10:07 )
Da un paio di secoli l'umanità cerca di misurarsi in con la gigantesca ameba metropolitana scatenata dai cicli di industrializzazione: urbanisti, sociologi, scrittori, ora un regista. Ma la cultura italiana mica ci arriva
-->
Barzi, Michela
( 26.08.2013 09:34 )
Le diffidenze leghiste per le diversità si manifestano naturalmente con maggiore evidenza là dove il partito governa e imperversa. Ma si tratta di una cultura pervasiva, per nulla limitata a quei territori e probabilmente neppure limitata a quell'area politica, pronta a ripresentarsi in diversi contesti -->
( 22.08.2013 19:29 )
Gli spazi simbolo del ceto medio e dei suoi consumi opulenti, diventano sacche di disagio, come dimostra il compendio di ricerche della Brookings Institution sintetizzate in un volume. Il problema è di superare la logica di questo tipo di espansione urbana, e tornare a un modello integrato di città. Dalla rivista universitaria Knowledge Wharton, agosto 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 20.08.2013 18:49 )
La globalizzazione significa soprattutto (che piaccia o meno) essere ineluttabilmente inseriti in un flusso di decisioni interrelate: la tutela delle coste nella nostra bagnarola mediterranea, per esempio -->
Eisenberg, Richard
( 10.08.2013 10:28 )
Recensionee intervista su uno dei tanti libri americani dedicati a una questione che dovrebbe però interessare molto di più anche il resto del mondo: l'immaginario collettivo sull'abitare e i suoi risvolti sociali e ovviamente ambientali. Di fatto ci sono intere generazioni cresciute nel mito antiurbano, che deve essere in qualche modo superato, insieme al tipo di consumi che si porta dietro. Forbes, 9 agosto 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 21.07.2013 09:45 )
C'è sempre qualcosa di affascinante, e al tempo stesso inquietante, nel modo in cui ci adattiamo, o proviamo a adattarci, ai mutamenti ambientali del mondo che ci circonda. Specie quando si tratta di trasformazioni consapevolmente indotte da altri, per motivi affatto umanitari -->
Bottini, Fabrizio
( 16.07.2013 08:35 )
Oltre a dire qualcosa di sinistra, come auspicano e chiedono in tanti da troppo tempo, c'è anche un'altra possibilità: quella di fare concretamente, qualcosa di sinistra, ovvero mettere in pratica e verificare gli alti principi. C'è qualche vago segnale in questo senso, basta guardarlo -->
Bottini, Fabrizio
( 11.07.2013 08:13 )
Che fare quando le migliori (e celebrate) idee si dimostrano carenti? Negare l'evidenza, oppure provare a rifletterci sopra davvero, cercando di capire se e dove esiste qualcosa di sbagliato nel modello, o nella nostra interpretazione? -->
Hetherington, Peter
( 03.07.2013 13:12 )
Un urbanista americano, curiosamente noto soprattutto per essere stato preso a pugni da una contestatrice durante un'assemblea pubblica, ha anche parecchio altro da dire sulla professione, e il ruolo nella città e la società. The Guardian, 2 luglio 2013 (f.b.) -->
Bottini, Fabrizio
( 29.06.2013 10:53 )
C'è qualcosa che non torna nell'entusiasmo da un lato per tutte le possibili tecnologie smaterializzanti dell'universo, dall'altro nel permanere di una cultura degli spazi a dir poco novecentesca, industriale, segregata. Quanto c'è di malafede, e quanto di ignoranza? -->
Bottini, Fabrizio
( 28.04.2013 09:12 )
Il successo dei progetti di trasformazione urbana, come suggerisce il buon senso, dipende dal loro essere urbani, inseriti in un contesto ampio con cui entrano in sinergia. Ma il peggior cieco è chi non vuol vedere ciò che gli sta attorno -->
Walker, Alissa
( 02.04.2013 19:44 )
Vivere e camminare a Los Angeles, senza un'automobile, è compatibile con un'esistenza umana. Figuriamoci qui da noi. Los Angeles Magazine, 29 marzo 2013 -->
Vitullo-Martin, Julia
( 30.03.2013 19:30 )
I problemi insediativi, ambientali, socioeconomici, di qualità della vita, e infine politici, posti dal nuovo ruolo del cibo nella metropoli del terzo millennio. Non è il caso, come intuito in fondo dall'Expo milanese, di porre al centro la questione? Spotlight on the Region, marzo 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 30.03.2013 08:50 )
È passato più di un secolo da quando i futuristi volevano spazzar via tutta l'anticaglia che faceva da zavorra al progresso umano, e nel frattempo si è capito che non tutto è anticaglia e non tutto è zavorra. Però adesso un po' si esagera, in tutto il mondo, con le ideologie antimoderniste su misura -->

Chi fa Eddyburg | Copyright e responsabilità | Sostenere Eddyburg | Chi sostiene Eddyburg