0 0 0
0
0 0 0 0 0 0
0


Mall International (in English)
0
0 > Sito di Fabrizio Bottini > Antologia

Una nuova Chinatown sorgerà sul Pacifico (1906)
Data di pubblicazione: 07.01.2008

Breve resoconto sul terremoto-incendio di San Francisco, e il tentativo di speculazione razzista (poi fallito) per una città di soli cinesi distinta dal capoluogo della Baia. La cronaca in diretta, da The New York Times, 21 aprile 1906

Titolo originale: A New Chinatown to Rise on Pacific – Ricerche editing e traduzione a cura di Fabrizio Bottini

Dopo la distruzione a San Francisco della Chinatown, principale insediamento cinese fuori dalla Cina – occupava dieci blocchi di isolati nel cuore della città – verrà costruita una nuova città cinese sulla costa del Pacifico. Verrà acquistata un’area da parte di un gruppo di commercianti di Hong Kong, e il progetto è già in avanzato corso di definizione.
Questa informazione è pervenuta ieri ai commercianti cinesi di New York. È stato chiesto loro di contribuire con un prestito, in modo tale che i lavori per porre le fondamenta della nuova città possano iniziare immediatamente. Tai Y. Lee della casa di importazioni Phong, Fat & Co., al 30 della Ventiduesima Strada West, nominato a capo del comitato cinese di soccorso di qui, ha affermato ieri che la nuova città cinese probabilmente verrà costruita sulla costa in una località vicina a San Francisco.
Tai ha aggiunto che sono molte le persone di origine cinese perite tra le rovine di San Francisco, mentre 20.000 sono riusciti ad attraversare la baia e a raggiungere il quartiere cinese di Oakland. La maggioranza dei ricchi mercanti di Chinatown, specifica Tai, sono agenti importatori per conto di grossi gruppi in Cina, e cadrà soprattutto su questi ultimi il peso delle perdite. Ad ogni modo gran parte degli importatori cinesi di San Francisco hanno perso sino all’ultimo dollaro che possedevano, e molti di loro trattavano partite di gioielleria in oro e argento di grande valore.

Grosse perdite per i cinesi

“La ditta Sing Fat & Co., al 614 di Dupont Street, di cui fa parte mio cugino”, racconta Tai, “era probabilmente la principale del mondo nel suo campo, e gestiva partite valutate un milione e mezzo di dollari. Si trovava nel cuore della Chinatown di San Francisco, ed è andata totalmente bruciata.
“La ditta Wing Chong-Wo, mercanti di farine, stava al 716 di Sacramento Street. Sono i proprietari di quattro grossi mulini a Seattle, Portland, e Oakland, ma se la sede centrale sta a San Francisco. Si trovavano direttamente sul fronte dell’incendio, e hanno perso probabilmente mezzo milione di dollari.
“Sun Kam Wah, il milionario cinese di San Francisco, ha sede al 716 di Dupont Street, e ance le sue perdite raggiungeranno il mezzo milione. E a dire il vero quasi tutti gli importatori ed esportatori sulle vie Dupont, Commercial, Clay, Washington, Jackson, Pacific, e Stockton, e poi a Waverly Place, e Washington Alley, hanno sofferto perdite che per ciascuno si possono valutare in almeno 10.000 dollari, in molti casi anche 100.000.
Chi Lung, al 640 di Sacramento Street, faceva grandi affari con la Cina, ma da informazioni private che mi sono pervenute, ha avuto grosse perdite.
“Molti dei cinesi di San Francisco erano proprietari immobiliari a Chinatown, ma in alcuni casi erano sostenuti da gruppi di Hong Kong, che li riattiveranno in nuovi edifici non appena iniziati i lavori per la nuova città”.

La Chinatown di San Francisco è delimitata da California e Pacific Street su due lati, da Kearney e Stockton Street sugli altri due.
Ci abitavano circa 21000 persone, molte delle quali arrivate all’Ovest solo da poco per lavorare nella lavorazione del salmone. Di norma la popolazione di Chinatown è di circa 17.000 abitanti, ma con l’avvento della primavera erano arrivati molti cinesi da alte parti del paese, per rimanere alcune settimane. Il giorno del disastro a San Francisco c’erano in realtà più cinesi di quanti non ce ne fossero mai stati concentrate prima. Non solo il loro quartiere era pieno fino a scoppiare, ma oltre ai 3.000 che lavoravano come cuochi, nelle lavanderie, e nelle ventiquattro sezioni dell’edilizia, ce ne erano altri 4.000 venuti dall’Est che avevano trovato lavoro nelle fabbriche il mese scorso.

Secondo Le Compte, l’operatore telegrafico Western Union rimasto sul posto per ultimo, anche dopo che la città era in preda alle fiamme, molti dei cinesi hanno raccolto le loro cose e si sono diretti verso il Golden Gate Park, per accamparsi, mentre circa 800 sono rimasti a guardia delle proprie botteghe, fin quando i tetti degli edifici hanno preso fuoco.
Si ritiene che solo pochi fra quanti erano rimesti indietro siano sfuggiti alla morte, dato che stavano Only a few of those who remained behind are believed to have escaped death, as they sat behind dietro a finestre con le sbarre, a curare polli o pesce affumicato, finché non sono stati anche loro affumicati sino a morire. Naturalmente si trattava dei cinesi delle classi più umili.
Banchieri e mercanti sono stati tra i primi a fuggire, ed ora si trovano al sicuro alloggiati presso amici a Oakland. Alcuni di loro daranno di Oakland la propria nuova casa nel futuro, ma la maggioranza si sposterà nella nuova città cinese appena questa sarà completata, dato che saranno in grado di svolgere le proprie attività in un nuovo luogo, indifferentemente, per il motivo che gran parte degli affari consiste in scambi con la Cina.

Mogli cinesi arrivano all’Est


Uno dei principali importatori della Chinatown di New York ha dichiarato ieri che molte migliaia fra coloro che sono stati colpiti dall’incendio probabilmente verranno all’Est, per stabilirsi a New York. Se sarà così, spiega, si porteranno indubbiamente delle mogli cinesi, così che invece di avere soltanto cinque o sei donne, qui a New York, ne vedremo cinque o seicento. Le cinesi di San Francisco vestono in modo molto colorato, con ampie bluse di generose dimensioni. Si dipingono il viso in modo molto vistoso.
La distruzione della Chinatown di San Francisco e stata discussa ieri in quella New York da giovani e anziani, che mangiando il proprio riso o bevendo il tè si scambiavano le ultime notizie. Tutti avevano mandato un telegramma a qualche amico o parente a San Francisco, ma nessuno aveva ricevuto risposta.

Un fatto che è stato causa di grande preoccupazione per moltissimi, nella nostra Chinatown, coi più ignoranti e innocenti convinti che nessuna risposta a un telegramma significasse che la persona a cui era stato spedito fosse morta. Di conseguenza, ci sono state molte lacrime e lamenti, nelle case da joss e drogherie sulla Pell, Mott e Doyers Street. Ogni tanto arrivava qualcuno da fuori città a informarsi sul destino di qualche cugino a San Francisco. Se i commercianti spiegavano che nessuna nuova vuol dire buona nuova, molti fra i visitatori ritenevano al contrario che la mancanza di notizie stesse a significare che la popolazione cinese di San Francisco era stata spazzata via.

Una nuova Chinatown

Quan Shing, un cinese che sta nella parte settentrionale dello stato e che era venuto a New York per informarsi su suo fratello, a San Francisco, ha raccontato che l’unica possibilità rimasta ai cinesi colpiti dall’incendio era di fondare una nuova città sulla costa del Pacifico, che predesse il posto della Chinatown di San Francisco. Ha detto che mentre gli appartenenti ad altre nazionalità possono spostarsi in città diverse e cominciare una nuova vita, i cinesi di San Francisco sarebbero perseguitati a morte se si mostrassero in qualunque luogo in gran numero.
Questo, ha spiegato, è l’aspetto grave dell’attuale situazione. Anche Oakland, con una popolazione cinese attuale di quasi 10.000 persone, non ne sopporterebbe altri 30.000. Quindi è assolutamente necessario che si costruiscano una propria città.
Quest’uomo ritiene anche che si debba istituire un comitato di alti esponenti del mondo commerciale cinese per chiedere alle autorità degli Stati Uniti l’autorizzazione a istituire una municipalità gestita da cinesi, con responsabili a nomina statunitense.

Il sindaco di San Francisco Schmitz è sempre stato favorevole all’idea di realizzare una colonia cinese sul Pacifico distinta dalla città dei bianchi, e che tale colonia potrebbe svilupparsi e prosperare.
Anche le campagne guidate da Kearney dell’odio contro i cinesi sono lontane dai massimi raggiunti verso il 1880, non se ne sono spenti gli echi, e ci sono ancora molti attivisti favorevoli all’espulsione totale dei cinesi dallo stato. Si potrebbero votare misure tali da penalizzare fortemente il ritorno di quelli che hanno lasciato la California e proibire l’arrivo di altri.
Potrebbe riorganizzarsi la League of Deliverance, ora che se ne presenta l’occasione, e anche i non militanti potrebbero salutare con favore un movimento del genere adesso, con 30.000 cinesi senzatetto, e il rischio avere un effetto boomerang favorevole alla comunità cinese.
Dalle ceneri di San Francisco nascerà la città cinese, dicono i cinesi di New York.

Nota: forse il lettore può intuire anche dal tono dell’articolo, come quella vagheggiata sia soprattutto una grande speculazione, pericolosa anche nel suo istituire una sorta di enclave ancor più chiusa e autonoma delle varie Chinatown esistenti, interamente gestita dal ceto dei mercanti e senza alcuno sbocco o integrazione possibile per i ceti lavoratori. Il progetto rientrerà anche per intervento del governo cinese, che deciderà di ripristinare la propria presenza ufficiale nella zona della Chinatown di San Francisco distrutta dall’incendio, e di sostenere la ricostituzione delle altre attività in loco. Saranno chiamati architetti americani a progettare edifici moderni, nello “stile cinese” piuttosto superficiale e artefatto che fa ancor oggi del quartiere una specie di antenato dei parchi a tema (f.b.)


here English version









0

Il sito di Edoardo Salzano
0
Bottini, Fabrizio
( 08.10.2013 09:04 )
Per motivi tecnici mi sono provvisoriamente trasferito sul sito Millennio Urbano che (tra l'altro) contribuisco a rilanciare dopo un periodo di transizione -->
Bottini, Fabrizio
( 08.09.2013 10:07 )
Da un paio di secoli l'umanità cerca di misurarsi in con la gigantesca ameba metropolitana scatenata dai cicli di industrializzazione: urbanisti, sociologi, scrittori, ora un regista. Ma la cultura italiana mica ci arriva
-->
Barzi, Michela
( 26.08.2013 09:34 )
Le diffidenze leghiste per le diversità si manifestano naturalmente con maggiore evidenza là dove il partito governa e imperversa. Ma si tratta di una cultura pervasiva, per nulla limitata a quei territori e probabilmente neppure limitata a quell'area politica, pronta a ripresentarsi in diversi contesti -->
( 22.08.2013 19:29 )
Gli spazi simbolo del ceto medio e dei suoi consumi opulenti, diventano sacche di disagio, come dimostra il compendio di ricerche della Brookings Institution sintetizzate in un volume. Il problema è di superare la logica di questo tipo di espansione urbana, e tornare a un modello integrato di città. Dalla rivista universitaria Knowledge Wharton, agosto 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 20.08.2013 18:49 )
La globalizzazione significa soprattutto (che piaccia o meno) essere ineluttabilmente inseriti in un flusso di decisioni interrelate: la tutela delle coste nella nostra bagnarola mediterranea, per esempio -->
Eisenberg, Richard
( 10.08.2013 10:28 )
Recensionee intervista su uno dei tanti libri americani dedicati a una questione che dovrebbe però interessare molto di più anche il resto del mondo: l'immaginario collettivo sull'abitare e i suoi risvolti sociali e ovviamente ambientali. Di fatto ci sono intere generazioni cresciute nel mito antiurbano, che deve essere in qualche modo superato, insieme al tipo di consumi che si porta dietro. Forbes, 9 agosto 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 21.07.2013 09:45 )
C'è sempre qualcosa di affascinante, e al tempo stesso inquietante, nel modo in cui ci adattiamo, o proviamo a adattarci, ai mutamenti ambientali del mondo che ci circonda. Specie quando si tratta di trasformazioni consapevolmente indotte da altri, per motivi affatto umanitari -->
Bottini, Fabrizio
( 16.07.2013 08:35 )
Oltre a dire qualcosa di sinistra, come auspicano e chiedono in tanti da troppo tempo, c'è anche un'altra possibilità: quella di fare concretamente, qualcosa di sinistra, ovvero mettere in pratica e verificare gli alti principi. C'è qualche vago segnale in questo senso, basta guardarlo -->
Bottini, Fabrizio
( 11.07.2013 08:13 )
Che fare quando le migliori (e celebrate) idee si dimostrano carenti? Negare l'evidenza, oppure provare a rifletterci sopra davvero, cercando di capire se e dove esiste qualcosa di sbagliato nel modello, o nella nostra interpretazione? -->
Hetherington, Peter
( 03.07.2013 13:12 )
Un urbanista americano, curiosamente noto soprattutto per essere stato preso a pugni da una contestatrice durante un'assemblea pubblica, ha anche parecchio altro da dire sulla professione, e il ruolo nella città e la società. The Guardian, 2 luglio 2013 (f.b.) -->
Bottini, Fabrizio
( 29.06.2013 10:53 )
C'è qualcosa che non torna nell'entusiasmo da un lato per tutte le possibili tecnologie smaterializzanti dell'universo, dall'altro nel permanere di una cultura degli spazi a dir poco novecentesca, industriale, segregata. Quanto c'è di malafede, e quanto di ignoranza? -->
Bottini, Fabrizio
( 28.04.2013 09:12 )
Il successo dei progetti di trasformazione urbana, come suggerisce il buon senso, dipende dal loro essere urbani, inseriti in un contesto ampio con cui entrano in sinergia. Ma il peggior cieco è chi non vuol vedere ciò che gli sta attorno -->
Walker, Alissa
( 02.04.2013 19:44 )
Vivere e camminare a Los Angeles, senza un'automobile, è compatibile con un'esistenza umana. Figuriamoci qui da noi. Los Angeles Magazine, 29 marzo 2013 -->
Vitullo-Martin, Julia
( 30.03.2013 19:30 )
I problemi insediativi, ambientali, socioeconomici, di qualità della vita, e infine politici, posti dal nuovo ruolo del cibo nella metropoli del terzo millennio. Non è il caso, come intuito in fondo dall'Expo milanese, di porre al centro la questione? Spotlight on the Region, marzo 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 30.03.2013 08:50 )
È passato più di un secolo da quando i futuristi volevano spazzar via tutta l'anticaglia che faceva da zavorra al progresso umano, e nel frattempo si è capito che non tutto è anticaglia e non tutto è zavorra. Però adesso un po' si esagera, in tutto il mondo, con le ideologie antimoderniste su misura -->

Chi fa Eddyburg | Copyright e responsabilità | Sostenere Eddyburg | Chi sostiene Eddyburg