0 0 0
0
0 0 0 0 0 0
0


Mall International (in English)
0
0 > Sito di Fabrizio Bottini > Città > Spazi della dispersione

Demotorizzazione
Data di pubblicazione: 03.09.2012

Autore:

Come ci conferma la stampa, anche i produttori di automobili hanno chiarissimo che il modello di sviluppo socioeconomico territoriale legato al veicolo in proprietà è al tramonto. E allora perché la politicanza nostrana e non continua a riproporre sprawl e strade ovunque? Diamoci un taglio

Il quotidiano nazionale la Repubblica ogni lunedì dedica qualche paginone al meraviglioso mondo dell’auto. Dove fra le cronache dell’ultimo salone internazionale, condito dalle solite bonazze sdraiate sui cofani, a volte si può leggere anche qualcosa di interessante su tecnologie, ambiente, società e simili. Oggi 3 settembre 2012 c’è una di queste rare perle, nella forma di intervista a un alto esponente dell’industria automobilistica, che parla di “demotorizzazione”. Il termine non sta a significare che in futuro le auto andranno a vela o a pedali, invece che spinte dal classico motore, ma qualcosa di assai più radicale: meno macchine in circolazione, probabilmente molte meno macchine in circolazione. E il settore si sta già riorganizzando, visto che ne è ben consapevole. L’intervista si inserisce nella logica da crisi e recessione economica, ma il nostro manager mette in chiaro da subito che il suo non è affatto un ragionamento contingente, di medio-lungo periodo piuttosto. Pare che il sogno di Henry Ford stia nonostante tutto tramontando, e la recessione non c’entra proprio nulla. I telefonini, piuttosto.

Ecco, la cosa più interessante dal mio punto di vista è che i fabbricanti di automobili abbiano già chiarissimo un quadro che invece sfugge a certa (tanta, tantissima) politica gonza o in malafede, quella che da ogni pulpito ci parla di sviluppo pensando a certe immagini anni ’30 riciclate e un po’ riverniciate, ovvero autostrade ovunque, su cui si allineano capannoni industriali, capannoni commerciali, scatolotti un po’ più curati per uffici, e dietro un oceano di casette abitate dai gonzi che là dentro vanno a lavorare, fare shopping, studiare, divertirsi (si fa per dire) eccetera. Ci vanno, naturalmente, con l’automobile pagata a caro prezzo, e di solito pagata per niente, visto che poi se ne sta ferma a sprecare soldi per 23 ore al giorno. Scordiamocelo, per un attimo, il trionfo del possesso del bolide, e pensiamo che si paga un box, un’assicurazione, un ammortamento, giusto per questo magro trionfo, che magari non ci interessa. Di sicuro non interessa più tanto le nuove generazioni, quelle che usano gli smartphone, volano low cost in giro per il mondo, e in quelle cose e altre vorrebbero investire i pochi soldi che hanno, mica per sfoggiare una tonnellata di lamiera, come facevano i loro padri.

Il nostro manager internazionale del settore automobilistico racconta ordinato tutte queste cose nell’intervista a la Repubblica, e le ribadisce nonostante l’intervistatore provi a svicolare su terreni più facili: la crisi, i giovani precari o disoccupati, quando ci sarà la ripresa … Macchè: il nostro pare davvero convinto che l’era di Henry Ford stia cambiando pelle, e sicuramente dietro a lui tutto il settore si sta riorganizzando. Possibile pensare (noi, mica i due che dialogano, l’articolo dice già fin troppo) a uno scenario generale in cui questi tasselli provano a ricomporsi? Un po’ di spunti ce li dà senz’altro l’ampio servizio proposto nel suo numero di settembre dal mensile americano The Atlantic e tradotto in parte qui su Mall, dove sulla base di rilevazioni statistiche si notano cose complementari come i diversi orientamenti ai consumi di prodotti, servizi, spazi, da parte delle fasce di età giovani. Che dicono, per l’automobile come per altri aspetti, la casa, il lavoro ecc. le medesime cose o quasi del nostro manager. Che per l’automobile esista un futuro, anche luminoso, è poco ma certo, non c’è nessuno al mondo che ha voglia di tornare (anche chi dice sciocchezze del genere senza pensarci) alla una mobilità ristretta e faticosa di un tempo, o comunque a un monopolio dei mezzi collettivi.

La risposta in linea di massima esiste già, e si chiama oggi car-sharing, domani chissà. Modello che ha alcuni effetti spaziali e organizzativi abbastanza immediati, e che si legano benissimo con la centralità della telecomunicazione individuale impersonata dallo smartphone. L’auto presente solo quando serve, e col settore automobilistico trasformato che ci vende on-demand l’intero sistema di rimessaggio, manutenzione, rifornimento ecc. Pare una spinta sufficiente, ad esempio, per lo sviluppo di una rete che sappia usare le energie da fonti rinnovabili, e che tarda oggi a decollare, o per riciclare il sistema delle concessionarie, della gestione dell’usato, dei ricambi e riparazioni, ed è solo il primo passo. Perché cambia anche tutto quello che ci sta attorno, lo spazio e il tempo. Cominciamo dal tempo, ovvero da quella faccenda dell’auto in proprietà che sta ferma 23 ore su 24 quando va bene, e passiamo subito allo spazio, perché anche così l’auto non proprietaria ne occupa infinitamente di meno. Niente più box o parcheggio multiplo come oggi; niente più calcoli assurdi di piazzole – da cinque all’infinito – dedicate per legge alla signora che esce di casa al mattino, sosta nella piazzola per lasciare il figlio a scuola, poi va al lavoro dove parcheggia nell’autosilo sei ore, poi va al centro commerciale dove pretende di poter parcheggiare di nuovo, poi preleva il figlio e lo porta in piscina.

Sono ancora davvero tutte indispensabili, queste superfici asfaltate, se quell’auto ha la possibilità almeno per le soste più lunghe di essere prelevata da un altro utente? Certamente no. E poi c’è l’altra questione tempo che diventa spazio: se voglio usare un servizio del genere, non posso abitare troppo lontano dai miei simili che lo condividono, e il risultato sarà (come già succede oggi per vari altri motivi) un ritorno al modello di quartiere complesso, non necessariamente centro storico ma di certo a funzioni miste. Un quartiere più denso della distesa di villette unifamiliari del suburbio novecentesco, anche perché l’uso dell’auto quando serve, e davvero quando serve, oltre a eliminare spazi morti favorisce comportamenti vivi, per esempio muoversi a piedi (se non si sta trasportando un peso esagerato), o in bicicletta, o su una versione postmoderna del mezzo collettivo. Il mezzo collettivo, efficiente, comodo, veloce, diventa poi una scelta davvero conveniente quando ci si sposta su lunghe distanze: perché faticare come un somaro su un’autostrada quando c’è un treno che mi porta a destinazione più in fretta? Oggi a questa proposta c’è la classica obiezione: dove vado io non c’è nessun treno.

Nella logica del car-sharing davvero alternativo al modello proprietario, nessuna impresa di produzione/servizi lascerà mai scoperto un territorio di mercato interessante, e quindi la risposta viene da sé: dove non arriva il treno arriva la rete delle auto, basta usare lo smartphone appena scesi alla stazione, ed ecco disponibile magari sul piazzale la vettura lasciata lì cinque minuti prima da qualcuno che è salito su un altro treno. Senza farla troppo lunga, è evidente che il modello territoriale della ex campagna solcata da superstrade e punteggiata di svincoli e parcheggi non ha alcun senso, così come non ne ha la dispersione insediativa che le superstrade producono da un secolo e passa. C’è però da chiedersi se chi decide delle nostre vite per via della delega elettorale abbia solo vagamente capito queste cose. L’ha capito? Non l’ha capito? Fa finta di non capire perché al momento non conviene? Sappiamo solo che ad esempio nel programma del Partito Repubblicano degli Stati Uniti c’è ancora scritto basta sprecare soldi con le linee ferroviarie e tranviarie a orientamento urbano di Obama, il popolo vuole le autostrade, i centri commerciali eccetera. E ancora ad esempio in Italia attorno a Milano si sta sviluppando un enorme anello di Tangenziali, mentre Roma sta varando il secondo e più esterno Raccordo Anulare.

Sono immagini anni ’30, almeno, con quella centralità automobilistica, lo slancio da movimento futurista verso la velocità fine a sé stessa: hanno senso nella nostra epoca di smaterializzazione, comunicazioni a distanza, sostenibilità ambientale, il tutto certificato da attuali tendenze e preferenze di consumo? Un po’ come se i nostri politici si presentassero sbraitanti su un pulpito davanti a piazze osannanti, tipo Hitler o simili. Che restino ancorati al modello proto-novecentesco perché in fondo è il loro preferito? Proviamo invece a mandarli a casa, o almeno a fargli cambiare idea con gli strumenti garantiti dalla costituzione. Quella in fondo ce l’abbiamo ancora, sana e robusta costituzione.









0

Il sito di Edoardo Salzano
0
Bottini, Fabrizio
( 08.10.2013 09:04 )
Per motivi tecnici mi sono provvisoriamente trasferito sul sito Millennio Urbano che (tra l'altro) contribuisco a rilanciare dopo un periodo di transizione -->
Bottini, Fabrizio
( 08.09.2013 10:07 )
Da un paio di secoli l'umanità cerca di misurarsi in con la gigantesca ameba metropolitana scatenata dai cicli di industrializzazione: urbanisti, sociologi, scrittori, ora un regista. Ma la cultura italiana mica ci arriva
-->
Barzi, Michela
( 26.08.2013 09:34 )
Le diffidenze leghiste per le diversità si manifestano naturalmente con maggiore evidenza là dove il partito governa e imperversa. Ma si tratta di una cultura pervasiva, per nulla limitata a quei territori e probabilmente neppure limitata a quell'area politica, pronta a ripresentarsi in diversi contesti -->
( 22.08.2013 19:29 )
Gli spazi simbolo del ceto medio e dei suoi consumi opulenti, diventano sacche di disagio, come dimostra il compendio di ricerche della Brookings Institution sintetizzate in un volume. Il problema è di superare la logica di questo tipo di espansione urbana, e tornare a un modello integrato di città. Dalla rivista universitaria Knowledge Wharton, agosto 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 20.08.2013 18:49 )
La globalizzazione significa soprattutto (che piaccia o meno) essere ineluttabilmente inseriti in un flusso di decisioni interrelate: la tutela delle coste nella nostra bagnarola mediterranea, per esempio -->
Eisenberg, Richard
( 10.08.2013 10:28 )
Recensionee intervista su uno dei tanti libri americani dedicati a una questione che dovrebbe però interessare molto di più anche il resto del mondo: l'immaginario collettivo sull'abitare e i suoi risvolti sociali e ovviamente ambientali. Di fatto ci sono intere generazioni cresciute nel mito antiurbano, che deve essere in qualche modo superato, insieme al tipo di consumi che si porta dietro. Forbes, 9 agosto 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 21.07.2013 09:45 )
C'è sempre qualcosa di affascinante, e al tempo stesso inquietante, nel modo in cui ci adattiamo, o proviamo a adattarci, ai mutamenti ambientali del mondo che ci circonda. Specie quando si tratta di trasformazioni consapevolmente indotte da altri, per motivi affatto umanitari -->
Bottini, Fabrizio
( 16.07.2013 08:35 )
Oltre a dire qualcosa di sinistra, come auspicano e chiedono in tanti da troppo tempo, c'è anche un'altra possibilità: quella di fare concretamente, qualcosa di sinistra, ovvero mettere in pratica e verificare gli alti principi. C'è qualche vago segnale in questo senso, basta guardarlo -->
Bottini, Fabrizio
( 11.07.2013 08:13 )
Che fare quando le migliori (e celebrate) idee si dimostrano carenti? Negare l'evidenza, oppure provare a rifletterci sopra davvero, cercando di capire se e dove esiste qualcosa di sbagliato nel modello, o nella nostra interpretazione? -->
Hetherington, Peter
( 03.07.2013 13:12 )
Un urbanista americano, curiosamente noto soprattutto per essere stato preso a pugni da una contestatrice durante un'assemblea pubblica, ha anche parecchio altro da dire sulla professione, e il ruolo nella città e la società. The Guardian, 2 luglio 2013 (f.b.) -->
Bottini, Fabrizio
( 29.06.2013 10:53 )
C'è qualcosa che non torna nell'entusiasmo da un lato per tutte le possibili tecnologie smaterializzanti dell'universo, dall'altro nel permanere di una cultura degli spazi a dir poco novecentesca, industriale, segregata. Quanto c'è di malafede, e quanto di ignoranza? -->
Bottini, Fabrizio
( 28.04.2013 09:12 )
Il successo dei progetti di trasformazione urbana, come suggerisce il buon senso, dipende dal loro essere urbani, inseriti in un contesto ampio con cui entrano in sinergia. Ma il peggior cieco è chi non vuol vedere ciò che gli sta attorno -->
Walker, Alissa
( 02.04.2013 19:44 )
Vivere e camminare a Los Angeles, senza un'automobile, è compatibile con un'esistenza umana. Figuriamoci qui da noi. Los Angeles Magazine, 29 marzo 2013 -->
Vitullo-Martin, Julia
( 30.03.2013 19:30 )
I problemi insediativi, ambientali, socioeconomici, di qualità della vita, e infine politici, posti dal nuovo ruolo del cibo nella metropoli del terzo millennio. Non è il caso, come intuito in fondo dall'Expo milanese, di porre al centro la questione? Spotlight on the Region, marzo 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 30.03.2013 08:50 )
È passato più di un secolo da quando i futuristi volevano spazzar via tutta l'anticaglia che faceva da zavorra al progresso umano, e nel frattempo si è capito che non tutto è anticaglia e non tutto è zavorra. Però adesso un po' si esagera, in tutto il mondo, con le ideologie antimoderniste su misura -->

Chi fa Eddyburg | Copyright e responsabilità | Sostenere Eddyburg | Chi sostiene Eddyburg