0 0 0
0
0 0 0 0 0 0
0


Mall International (in English)
0
0 > Sito di Fabrizio Bottini > Città > Spazi della dispersione
0
Da sogno della prima età dell'automobilismo nel Novecento, il suburbio si è via via trasformato in una realtà, e in un problema. Sprawl, città diffusa, insediamento rado, campagna urbanizzata ... questa cartella ospita testi sul tema


Murray, James (21.04.2010)
Spunta anche qualcosa di più dal programma britannico per le città sostenibili: l’autonomia energetica. Ma sembra prevalere la logica del grande impianto centralizzato: è proprio l’unica opzione?. BusinessGreen, 20 aprile 2010
0


D'Amico, Paola (16.04.2010)
Prove generali del micidiale e stupidotto modello lombardo “autostrade per lo sviluppo del territorio” a colpi di cinture e bretelle utili solo a chi ci specula. Il Corriere della Sera ed. Milano, 16 aprile 2010
0


Wingfield, Nick (15.04.2010)
Da un lato il telelavoro, e le prospettive che sembra aprire, dall’altro però anche prodotti collaterali ambigui, come questa nuova – per ora elitaria - tendenza “megaregionale” raccontata da The Wall Street Journal, 15 aprile 2010
0


Lucas, Clay (03.04.2010)
In tutte le grandi città del mondo ci sono reti di metropolitana, salvo nelle capitali dello sprawl Usa … e nelle due principali città australiane. Alcune distinzioni qualitative da The Age, 3 aprile 2010
0


Gruber, Frank (02.04.2010)
Certo la crisi economica, sociale, ambientale colpisce alle radici il sogno americano, ma per rilanciare davvero un ruolo centrale delle città ci vuole ben altro. Recensione a Foreclosing the Dream di William H. Lucy. The Huffington Post, 1 aprile 2010
0


Bellinghausen, Hermann (28.03.2010)
Spazio e società, un legame fondamentale: da La Jornada (articolo tradotto in italiano su Carta n. 10) un bel campionario di stretto intreccio fra assetto urbano del territorio e potere politico.
0


Herbert, Nick (25.03.2010)
Dal numero del conservatore The Spectator, 17 marzo 2010, il ministro ombra britannico per l’ambiente torna a modo suo sui temi del territorio, e dei relativi processi decisionali. Faziosità politica a parte, in qualcosa ha pure un po’ ragione
0


Infrastructure Australia (24.03.2010)
Dall’ultimo rapporto ufficiale governativo, breve sintesi sui problemi di incremento demografico, sprawl, impatto ambientale e consumi energetici delle città australiane: lo spazio c’è, ma non va sprecato
0


Hasley, Ashley III (24.03.2010)
Come detto e ripetuto da tempo, qualunque apparente risparmio sull’abitazione nelle fasce metropolitane estreme, è solo un costo spostato sui pieni di benzina per andare ovunque.The Washington Post, 24 marzo 2010
0


Vidal, John (23.03.2010)
I nostri ciarlieri sociofagi che evocano la cosiddetta “città infinita” brianzolo-varesotta non lo sapranno mai, ma esiste una grave minaccia con lo stesso nome. E speriamo proprio che non chiamino loro a scongiurarla. The Guardian, 22 marzo 2010
0


Gough, Deborah (21.03.2010)
É quasi automatico: l’insediamento a bassa densità produce spazi dove scivolano in secondo piano, sin quasi a scomparire, tutti gli accorgimenti in grado di favorire l’accessibilità pedonale, ciclabile, coi mezzi pubblici, e la qualità che garantiscono.The Age, 21 marzo 2010
0


Glaeser, Edward L. (05.03.2010)
In un editoriale sul Boston Globe, 5 marzo 2010, il noto economista nota come la spesa a sostegno del rilancio economico nazionale sembri ignorare il rilancio delle città come tali, e favorire invece il solito sprawl
0


Hendricks, Mike (26.02.2010)
Non si capisce bene fino a che punto sia autoironica la pensata di recuperare un grosso centro commerciale, costruito e mai usato, per farne un simbolo del suo fallimento.The Kansas City Star, 25 febbraio 2010
0


Dowling, Jason; Cooke, Dewi (26.02.2010)
A Melbourne è in vigore una fascia verde di contenimento dell’urbanizzazione, che qualche appassionato di sprawl adesso vuol rivedere. Il gioco è stato scoperto, e si aprono nuove prospettive: The Age, 25 febbraio 2010
0


Gray, Darren (15.02.2010)
La casa nel suburbio con la natura ha solo un rapporto di scontro, e quando gli incendi dei boschi e dei prati colpiscono duro bisogna imparare la lezione, e tornare a costruire città, belle e sicure. The Age, 16 febbraio 2010
0


(09.02.2010)
Sintetiche schede quantitative e qualitative dei quattro progetti sopravvissuti all’assai più lungo elenco originario, e che ora iniziano la fase di realizzazione.BBC News, 8 febbraio 2010
0


Lindsay, Greg (02.02.2010)
Presentazione della nuova rubrica The Master Plan, su Fast Company, 1 febbraio 2010, dedicata ai casi di città e comunità che operano coerentemente con gli obiettivi ambientali e sociali preferiti dalla presidenza Obama
0


CPRE - Campaign to Protect Rural England (01.02.2010)
Ampio estratto da un rapporto del gennaio 2010: le prospettive future per tutelare e rilanciare una delle conquiste della pianificazione territoriale del Novecento, contro il consumo di suolo e per la sfida al cambiamento climatico
0


Hume, Christopher (01.02.2010)
Il dibattito sullo sviluppo urbano in una grande area metropolitana canadese: non è vero che il mercato spinga verso un modello disperso insostenibile. The Toronto Star, 1 febbraio 2010
0


Hunt, Tristram (28.01.2010)
Sinora nonostante le forti spinte suburbane alla Gran Bretagna è stato risparmiato uno sprawl di tipo nordamericano. Cambieranno le cose con un governo conservatore? I fondati timori di uno studioso da The Times, 28 gennaio 2010
0

<< Precedente  | 1  | 2  | 3  | 4  | 5  | 6  | 7  | < 8 >  | 9  | 10  | 11-20  | 21-30  | 31-32  Successiva >>




0

Il sito di Edoardo Salzano
0
Bottini, Fabrizio
( 08.10.2013 09:04 )
Per motivi tecnici mi sono provvisoriamente trasferito sul sito Millennio Urbano che (tra l'altro) contribuisco a rilanciare dopo un periodo di transizione -->
Bottini, Fabrizio
( 08.09.2013 10:07 )
Da un paio di secoli l'umanità cerca di misurarsi in con la gigantesca ameba metropolitana scatenata dai cicli di industrializzazione: urbanisti, sociologi, scrittori, ora un regista. Ma la cultura italiana mica ci arriva
-->
Barzi, Michela
( 26.08.2013 09:34 )
Le diffidenze leghiste per le diversità si manifestano naturalmente con maggiore evidenza là dove il partito governa e imperversa. Ma si tratta di una cultura pervasiva, per nulla limitata a quei territori e probabilmente neppure limitata a quell'area politica, pronta a ripresentarsi in diversi contesti -->
( 22.08.2013 19:29 )
Gli spazi simbolo del ceto medio e dei suoi consumi opulenti, diventano sacche di disagio, come dimostra il compendio di ricerche della Brookings Institution sintetizzate in un volume. Il problema è di superare la logica di questo tipo di espansione urbana, e tornare a un modello integrato di città. Dalla rivista universitaria Knowledge Wharton, agosto 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 20.08.2013 18:49 )
La globalizzazione significa soprattutto (che piaccia o meno) essere ineluttabilmente inseriti in un flusso di decisioni interrelate: la tutela delle coste nella nostra bagnarola mediterranea, per esempio -->
Eisenberg, Richard
( 10.08.2013 10:28 )
Recensionee intervista su uno dei tanti libri americani dedicati a una questione che dovrebbe però interessare molto di più anche il resto del mondo: l'immaginario collettivo sull'abitare e i suoi risvolti sociali e ovviamente ambientali. Di fatto ci sono intere generazioni cresciute nel mito antiurbano, che deve essere in qualche modo superato, insieme al tipo di consumi che si porta dietro. Forbes, 9 agosto 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 21.07.2013 09:45 )
C'è sempre qualcosa di affascinante, e al tempo stesso inquietante, nel modo in cui ci adattiamo, o proviamo a adattarci, ai mutamenti ambientali del mondo che ci circonda. Specie quando si tratta di trasformazioni consapevolmente indotte da altri, per motivi affatto umanitari -->
Bottini, Fabrizio
( 16.07.2013 08:35 )
Oltre a dire qualcosa di sinistra, come auspicano e chiedono in tanti da troppo tempo, c'è anche un'altra possibilità: quella di fare concretamente, qualcosa di sinistra, ovvero mettere in pratica e verificare gli alti principi. C'è qualche vago segnale in questo senso, basta guardarlo -->
Bottini, Fabrizio
( 11.07.2013 08:13 )
Che fare quando le migliori (e celebrate) idee si dimostrano carenti? Negare l'evidenza, oppure provare a rifletterci sopra davvero, cercando di capire se e dove esiste qualcosa di sbagliato nel modello, o nella nostra interpretazione? -->
Hetherington, Peter
( 03.07.2013 13:12 )
Un urbanista americano, curiosamente noto soprattutto per essere stato preso a pugni da una contestatrice durante un'assemblea pubblica, ha anche parecchio altro da dire sulla professione, e il ruolo nella città e la società. The Guardian, 2 luglio 2013 (f.b.) -->
Bottini, Fabrizio
( 29.06.2013 10:53 )
C'è qualcosa che non torna nell'entusiasmo da un lato per tutte le possibili tecnologie smaterializzanti dell'universo, dall'altro nel permanere di una cultura degli spazi a dir poco novecentesca, industriale, segregata. Quanto c'è di malafede, e quanto di ignoranza? -->
Bottini, Fabrizio
( 28.04.2013 09:12 )
Il successo dei progetti di trasformazione urbana, come suggerisce il buon senso, dipende dal loro essere urbani, inseriti in un contesto ampio con cui entrano in sinergia. Ma il peggior cieco è chi non vuol vedere ciò che gli sta attorno -->
Walker, Alissa
( 02.04.2013 19:44 )
Vivere e camminare a Los Angeles, senza un'automobile, è compatibile con un'esistenza umana. Figuriamoci qui da noi. Los Angeles Magazine, 29 marzo 2013 -->
Vitullo-Martin, Julia
( 30.03.2013 19:30 )
I problemi insediativi, ambientali, socioeconomici, di qualità della vita, e infine politici, posti dal nuovo ruolo del cibo nella metropoli del terzo millennio. Non è il caso, come intuito in fondo dall'Expo milanese, di porre al centro la questione? Spotlight on the Region, marzo 2013 -->
Bottini, Fabrizio
( 30.03.2013 08:50 )
È passato più di un secolo da quando i futuristi volevano spazzar via tutta l'anticaglia che faceva da zavorra al progresso umano, e nel frattempo si è capito che non tutto è anticaglia e non tutto è zavorra. Però adesso un po' si esagera, in tutto il mondo, con le ideologie antimoderniste su misura -->

Chi fa Eddyburg | Copyright e responsabilità | Sostenere Eddyburg | Chi sostiene Eddyburg